MARTY & THE CITY – Nice to meet you, NYC!

Venerdì, 25 Maggio 2018

I primi passi tra i grattacieli più famosi del mondo e il primo approccio con Valentino.

Quella mattina, ancora frastornata dal viaggio, andai a fare una passeggiata. Comprai un mocaccino da Starbucks e una ciambella da Dunkin’ Donuts, giusto per entrare nel clima americano. 

Il sole era sorto da poco, ma nonostante l’orario, c’era già un gran bel movimento: un fiume di persone di ogni età e nazionalità stava assalendo le strade. Erano migliaia, tutte che camminavano a passo veloce, come fossero in ritardo. Di fronte a me l’Empire State Building si elevava imponente in tutto il suo splendore. 

Non potevo credere di essere lì. Quei grattacieli che finora avevo visto solamente in tv, su internet, al cinema o sulle riviste, adesso erano davanti ai miei occhi.  Alcuni erano così alti che quasi si faceva fatica ad alzare la testa per intravederne la cima. 

Le strade erano enormi e piene di taxi che sfrecciavano a tutta velocità per accaparrarsi il turista più vicino. 

C’era un chiasso tremendo: gli schiamazzi della gente, i clacson delle macchine, il rumore dei camion, delle moto, le sirene dell’ambulanza e della polizia. In mezzo a tutto quel trambusto, mi sentivo un po’ spaesata, ma allo stesso tempo ero incantata da tale bellezza, unica nel suo genere. 

Volenterosa di scoprire la città, con la bocca sempre spalancata dallo stupore, quella mattina dovetti interrompere il giro, poiché alle 11:00 avevo appuntamento con Annalisa. Mi avrebbe mostrato il luogo di lavoro per i prossimi sei mesi. Ero emozionatissima all’idea di conoscerla e di entrare finalmente nella filiale di Valentino. 

Una volta incontrate, ci abbracciammo come ci conoscessimo da molto tempo e poco dopo iniziammo il tour dentro la struttura. Entrate dalla porta girevole all’ingresso, andammo dal portiere, il quale mi diede il permesso di salire e mi ricordò di fare il pass il primo giorno di lavoro, indispensabile per accedere ai piani superiori. Entrammo nell’ascensore; io, super eccitata, schiacciai il bottone del famoso 26esimo piano. In un lampo fummo in cima e quando le porte si aprirono, feci il primo passo nell’ufficio.

Fui subito affascinata da quell’atmosfera. Lo stile di quell’ufficio era unico: estremamente sobrio e delicato. Il colore dominante era il bianco. Riconobbi subito la tinta inconfondibile delle pareti, la stessa dei negozi Valentino sparsi in tutto il mondo. Rimasi colpita dal bancone della reception interamente di marmo bianco, stupendo, con sopra un vaso di orchidee. La celebre scritta Valentino tutta dorata splendeva appesa al muro, illuminata dalle luci del soffitto, esattamente sopra il bancone.

Cominciai il giro delle presentazioni ufficio dopo ufficio. In quasi tutte le finestre si intravedeva un panorama mozzafiato: i grattacieli maestosi in mezzo ai quali avevo camminato qualche minuto prima, ora li potevo osservare dall’alto. 

Dopo aver visto la cucina, fui presentata ai futuri colleghi del reparto finanza e contabilità. In pochi giorni avrei occupato una tra quelle postazioni di lavoro. Lavorare in un’azienda così prestigiosa e famosa, per di più a New York, era una delle più grandi soddisfazioni che potessi mai avere. Un’opportunità unica che non mi sarebbe mai più ricapitata nella vita e per cui non smetterò mai di ringraziare Annalisa. Non potevo credere che tutto questo stava per succedere proprio a me, una normale studentessa di 23 anni, proveniente da un piccolo paesino delle Marche. 

Terminate le presentazioni, uscii dalla struttura. La pressione e l’ansia da prestazione incominciarono a farsi sentire: non avendo molta esperienza pratica, temevo di non essere all’altezza per quel lavoro. Tuttavia, era inutile preoccuparsi in anticipo, come crearsi troppe aspettative: la sola cosa da fare era dimostrarsi pronta a dare il massimo e a imparare quanto più possibile.

Conosciuto il luogo di lavoro, ora non rimaneva altro che trovarsi nuovi amici.

1 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...