MARTY & THE CITY – Il mio posto speciale

Uno dei posti più speciali per me a New York è Bryant Park. È stato uno dei primi che ho visitato e fin da subito ho capito che sarebbe stato uno dei luoghi a cui mi sarei affezionata di più.

Si tratta di una piccola oasi situata nel cuore di Manhattan e circondata da grattacieli, tra cui l’Empire State Building e il palazzo in cui sto lavorando. Si trovano un enorme prato al centro – dove è possibile sdraiarsi – e ai bordi tanti alberi, tavolini e sedie in cui ognuno può sedersi liberamente.

Ogni giorno durante l’ora di pranzo fiumi di persone escono dai propri uffici e si recano a Bryant Park per mangiare, rilassarsi e prendersi una pausa dal lavoro, me compresa. Spesso è difficile trovare un posto dove
sedersi per quanta gente lo visita! Non mancano inoltre i turisti attratti dai bellissimi scorci che questo parco regala.

Essendo molto centrale, è impossibile non visitarlo. Si trova a due passi da alcune delle più famose attrazioni di New York, come Times Square, la Public Library, la 5th Avenue, il Chrysler Building e il Grand Central Terminal.

A Bryant Park non ci si riposa mai. Quasi tutti i giorni della settimana vengono organizzati una serie di eventi molto originali. Ora che siamo in piena estate, ad esempio, il lunedì sera c’è il movie night (ovvero il
cinema all’aperto), una delle esperienze più significative e originali mai fatte. Di norma ogni lunedì, appena esco dal lavoro alle 18, migliaia di persone incominciano a prendere posto nel prato, ognuno con il proprio asciugamano, apparecchiando con tanto di cibo da sgranocchiare o bibite da consumare durante il film che viene proiettato in un maxi schermo.

Il martedì pomeriggio c’è lo yoga e poi durante la settimana ci sono un’altra serie di eventi, come il torneo di scacchi o i concerti con le band di musica country e molto altro ancora. Spesso, quando vado a mangiare, ascolto numerosi artisti suonare il pianoforte e intonare una canzone jazz.

Mi colpisce sempre di più il modo con cui questa città coinvolge le persone e le fa ritrovare tutte assieme. Qualche sera fa, al movie night, eravamo davvero tantissimi in mezzo a quel prato, tutti letteralmente a
bocca aperta per il tramonto che si intravedeva dietro lo schermo.

Quando sono arrivata qui non avrei mai immaginato che prima o poi mi sarei sentita “a casa”. Eppure ora mi sto ricredendo. Ci sono dei posti, in particolare Bryant Park, che sento davvero miei.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...