OSSERVANDOTitalia: la fila dal dottore

Il Sig.r Giulio è sveglio dalle 6 del mattino. È un altro precisino, come me. Che odia essere in ritardo. Oggi deve andare dal dottore. Lo vedo prepararsi dalla finestra di camera mia.  Mette la coppola grigio topo e parte con il suo pandino color rosso fuoco. Lo stesso con il quale porta la sua ultima fiamma, la Sig.ra Mara, a ballare il liscio tutte le domeniche.

Funziona così: l’ambulatorio apre la porta alle 7, momento in cui si può prendere il “numeretto”. Il Dottore arriva intorno alle 9. Dico intorno perchè capita che sia in ritardo. Senza spiegazione. Non la deve a nessuno.

Il Sig.r Giulio aspetta per due ore aspetta con il numeretto in mano. Prima di lui già tre persone. Devono aver dormito li, penso io, considerato che era già li alle 7.

Anche questa è l’Italia. Dove per vedere il proprio medico di condotta tocca alzarsi all’alba e aspettare con un numero in mano il proprio turno per ore. E chi lavora, penso io? O magari ha figli piccoli? Come fa a prenderlo il numeretto alle 7 del mattino? Ovviamente si perde il posto se si va via, che ne so,  a sbrigare qualche faccenda. Tocca soffrire, tutti insieme.

Il Sig.r Giulio mi racconta questa storia di sera, mentre lo trovo a passeggio con il suo cane Peppe. Io lo guardo e metto il cervello in moto. Qui tocca trovare una soluzione! Forse dovrei andare a parlare con il Dottore, capire se è un problema di scheduling. O magari non riesce a fissare per bene i suoi obiettivi, le sue priorità, durante la giornata.

Scheduling. Obiettivi. Priorità. Come sono diventata americana. Senti come parlo!!! E poi sono davvero un’illusa a pensare di poter arrivare e “cambiare” le cose. Devo vederle, e poi guardare dall’altra parte, come fanno tutti. Solo che io non ci riesco. Perchè basterebbe davvero poco.

Abbiamo perso la capacità di indignarci. Ormai va tutto bene. Va così. Se ci si lamenta si è dei rompi coglioni. Nel caso di una donna, una zitella acida. Quando va bene…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...